ilnutrizionistarisponde dott uliano

Condividi su Facebook

 

La celiachia nel bambino

la celiachia nel bambino

 

La celiachia è una malattia autoimmune chiamata anche enteropatia glutine-sensibile.: infatti l’intestino del celiaco non riesce ad assimilare il glutine, considerato un agente tossico e la dieta priva di glutine è l’unica terapia possibile per curare la celiachia e per condurre una vita serena e in salute. Ingerendo il glutine, infatti, nel celiaco si attiva in maniera anomala il sistema immunitario che risponde rifiutando il glutine e danneggiando l’intestino. Nei bambini la celiachia è una delle malattie croniche a maggiore frequenza e nel nostro Paese colpisce un italiano su dieci. Si tratta di un’intolleranza permanente al glutine, cioè la componente proteica che si trova nel frumento e in altri cereali, per esempio farro, orzo, segale, avena, kamut , malto.
Il glutine in realtà non è presente nel chicco del cereale o nella farina, ma si forma solo in seguito all’aggiunta di acqua e alla formazione dell’impasto.
Come mi accorgo che mio figlio è celiaco? Solo in seguito all’introduzione di cibi contenenti glutine nella dieta del bambino (di norma tra il settimo mese e i due anni) possono manifestarsi i primi sintomi che comprendono vomito, diarrea, mal di pancia, rallentamento o arresto della crescita, apatia e nervosismo in generale. Importante è la diagnosi precoce perché alcuni sintomi in altri momenti normali (irritabilità, stati anemici, mancanza di sorriso) possono nascondere una celiachia silente.
Il mio bambino è celiaco, che faccio? Innanzitutto evitare di drammatizzare sul problema, trasmettendo al piccolo l’impressione che non possa più condurre una vita normale, ma al contrario renderlo consapevole delle nuove abitudini alimentari che lo aiuteranno a stare meglio e a non avere più quel brutto mal di pancia!
Fortunatamente oggi, la maggiore e sicura conoscenza della patologia hanno reso la vita della persona celiaca praticamente normale, visto che anche al supermercato si trovano prodotti gluten-free.
Bisogna tuttavia adottare nelle proprie cucine, piccoli accorgimenti affinchè non ci siano contaminazioni nei cibi che prepariamo per il nostro bimbo celiaco:

Un valido aiuto per la corretta scelta degli alimenti senza glutine, può essere offerto dal “Prontuario dei prodotti in commercio consenttiti ai celiaci” realizzato ed aggiornato periodicamente a cura dell’Associazione Italiana Celiachia (AIC).

L’idea in più:
Per aiutare i nostri piccoli ad avere dimestichezza con la particolare alimentazione da seguire, munitevi di pennerelli e disegnate insieme a lui una faccina sorridente se l’alimento lo può mangiare e una faccina rossa per dirgli “alt!” questo non si tocca! E ditegli subito che il cioccolato di per sé non contiene glutine, basta che mamma controlli l’etichetta!