ilnutrizionistarisponde dott uliano

Condividi su Facebook

 

Mamma mi ,spieghi l'allergia in allegria?

mamma mi spieghi l'allergia in allegria?

LEGGI L'ARTICOLO Completo

 

Mamma, mi spieghi l'allergia in allegria?
Pubblicato su baby chef n.3 a cura del dott. Roberto Uliano- nutrizionista

La maggior parte delle persone può mangiare una grande varietà di cibi senza alcun problema. Per alcune, determinati alimenti o componenti alimentari possono provocare reazioni negative, da una leggera eruzione cutanea ( fastidiose bollicine più o meno grosse che non sempre prudono!) ad una risposta allergica di grave entità ( a volte bisogna dire subito alla mamma se non si riesce a respirare bene!).  L’allergia alimentare è una reazione enorme ed immediata verso un alimento scatenata dal sistema immunitario. E’ come se i soldatini a difesa del nostro corpo (che evitano di farci prendere il raffreddore o lo sconfiggono) quando mangiamo qualcosa in particolare (può succedere con il latte, le uova, le fragole, le pesche) combattono con tutte le forze contro di esso (anche se le fragole ci piacciono tanto sigh!), scatenando esternamente delle reazioni (bollicine, pomfi, mal di pancia, prurito, asma, starnuti) che ci avvisano che quell’alimento non va bene per noi! E’ bene precisare, bambini,  che molte allergie alimentari, anche se non tutte, possono essere superate nel corso della vita. In altre parole, col tempo, si può sviluppare una “tolleranza” verso alimenti ai quali si era allergici in precedenza. Nel frattempo però bisogna stare attenti a cosa mangiamo perché potremmo stare davvero male e correre il rischio di finire in ospedale. Impariamo a riconoscere i sintomi di una possibile allergia. Con l’aiuto di mamma e papà fatti spiegare questi concetti e le possibili reazioni:

Gastrointestinali: mal di pancia, diarrea, vomito
Cutanee: orticaria, rashes (cerca sul vocabolario che significa!)morbilliformi e flushing (in inglese significa...;

Respiratorie: rinocongiuntivite acuta, broncospasmo (wheezing)

Generalizzate: shock anafilattico

E’ importante che con mamma e papà impariamo a riconoscere le cose che non possiamo mangiare anche perché se andiamo a pranzo dai nostri amichetti, dobbiamo saper riconoscere le cose che ci provocano allergia. Ecco l’idea in più:
“allergia, no grazie!”   e portiamolo sempre con noi, quando abbiamo voglia di mangiare qualcosa o per spiegare alle mamme dei nostri amichetti che quelle cose non potete proprio mangiarle, così sarete sicuri di essere in…allegria e senza pensieri.